Contributo baby sitter e asili nido

Studio Legale Barletta

 

 

 

 

Il contributo baby sitter e asili nido è un'agevolazione spettante alla madre lavoratrice.

 

Può essere richiesto al termine del congedo obbligatorio di maternità ed entro gli 11 mesi successivi.

 

Il contributo dà diritto ad avere buoni per l'acquisto di servizi di baby sitting oppure, in alternativa, un contributo per far fronte alla retta di un asilo pubblico o di un asilo privato convenzionato.

 

 

A CHI SPETTA

 

 

Nello specifico, il contributo spetta alle mamme lavoratrici dipendenti, o iscritte alla gestione separata INPS, che tornano al lavoro dopo la maternità obbligatoria.

 

Dal 2016 questa agevolazione spetta anche alle lavoratrici autonome non parasubordinate (non iscritte alla gestione separata INPS) ed alle imprenditrici.

 

 

QUANTO SPETTA

 

 

Come detto, la lavoratrice può scegliere di avere buoni per l'acquisto di servizi di baby sitting oppure, in alternativa, un contributo per far fronte alla retta di un asilo pubblico o di un asilo privato convenzionato.

 

In entrambi i casi, l'importo dell'agevolazione è pari a 600 euro mensili.

 

Per le lavoratrici part-time, l'agevolazione è minore ed in proporzione alla minore entità della prestazione lavorativa.

 

Il contributo per l'asilo nido viene erogato attraverso un pagamento diretto alla struttura scolastica prescelta dalla madre.

 

Il contributo concesso per il pagamento dei servizi di baby sitting, invece, viene erogato attraverso buoni lavoro, i quali sono messi a disposizione della madre e possono essere utilizzati per remunerare baby sitter.

 

La mamma deve appropriarsi dei buoni lavoro nel termine di 120 giorni dall'accoglimento della domanda.

 

In mancanza, i buoni si intendono rinunciati.

 

 

DURATA DEL CONTRIBUTO

 

 

Il contributo è erogato per un periodo massimo di 6 mesi ed è alternativo al congedo parentale.

 

Questo significa che la lavoratrice, per poterne beneficiare, deve rinunciare ad usufruire del congedo parentale.

 

Alle lavoratrici iscritte alla gestione separata INPS, alle lavoratrici autonome e alle imprenditrici, il contributo è invece erogato per un periodo massimo di 3 mesi.

 

 

SPORTELLO SOCIALE

 

 

Lo Studio Legale Barletta, allo scopo di contribuire al benessere ed al miglioramento della situazione economica e familiare della persona, nonché consapevole che il lavoro dell'avvocato ha una importantissima ed ineliminabile funzione sociale (quella di postulare e tutelare i diritti e gli interessi dei cittadini, sia tra di loro che nei confronti della Pubblica Amministrazione), ha istituito uno sportello sociale in materia di domande e richieste che danno diritto a vantaggi ed agevolazioni.

 

Personale qualificato è a disposizione per:

 

  • fornire assistenza per accedere al contributo;

 

  • valutare i requisiti per accedere al contributo;

 

  • spiegare l'iter che porta alla concessione del contributo;

 

  • raccogliere la documentazione necessaria;

 

  • presentare la domanda tesa ad ottenere il contributo;

 

  • impostare correttamente la prestazione di lavoro della baby sitter;

 

  • presentare ricorso avverso il rigetto della domanda.

 

In un'ottica interdisciplinare, lo Studio si avvale inoltre della collaborazione con una professionista Psicologa e con una professionista Pedagogista, le quali forniscono consigli e consulenza in materia di maternità.

 

 

Avv. Francesco Barletta

Studio Legale Barletta

 

 

Clicca “mi piace” o chiama senza alcun impegno.

 

Lo Studio Legale Barletta eroga prestazioni sull'intero territorio nazionale.

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© Studio Legale Barletta - Partita IVA: 01215350776 - Mobile 320 9494365